Febbraio 18

Che cos’è una sitemap XML e perché è importante per i motori di ricerca e per la SEO?

La sitemap XML è da decenni uno dei fattori di ranking per l’ottimizzazione SEO.
Ma ancora non tutti hanno realmente compreso che cos’è e perché è importante per i motori di ricerca.
In breve, si tratta di un file in formato xml fondamentale da modificare e caricare tutte le volte che viene eseguito un aggiornamento, alla struttura del codice oppure ai contenuti testuali del sito web.


Approfondiamo insieme agli SEO Specialist di AB&A qualche consiglio per realizzare una sitemap XML perfetta.

Che cos’è una sitemap XML?

La sitemap XML è un file scritto nel formato xml e contiene gli indirizzi del sito web nel quale è contenuta. Questo importante file può essere concettualmente considerato come una sorta di “radiografia” dello scheletro del sito: poco leggibile per i non addetti ai lavori, fondamentale per GoogleBot (o Bingbot), il programma crawler di Ricerca di Google (o Bing) incaricato di interpretare la struttura del sito.

In questo file sono contenute informazioni importanti come:
– la struttura di un sito web;
– la data dell’ultimo aggiornamento;
– la frequenza con cui si avvisa GoogleBot che sono stati eseguiti degli aggiornamenti ed è quindi il momento che scansioni il sito.
– l’importanza di una pagina web del sito rispetto ad un’altra.

Una specie di carta d’identità che avvisa Google affermando: “Il mio sito è aggiornato, controlla le modifiche e ordina al tuo algoritmo di elaborarle” 


Come si realizza una sitemap XML?

Ci sono diversi modi per realizzare una Sitemap XML.

I più “lesionisti” ma anche i più precisi scrivono manualmente questo file .xml.  E’ necessaria una conoscenza perfetta degli attributi e delle linee guida richieste al momento dai motori di ricerca, tanta pazienza e soprattutto una buona dose di attenzione per non commettere errori.
Un errore all’interno della Sitemap caricata sul motore di ricerca può compromettere il posizionamento del sito per mesi.
Non servono particolari software per realizzare una sitemap XML: è sufficiente un tradizionale editor di testo, come il Blocco Note.

I più smanettoni (e a volte anche qualche esperto SEO) utilizzano invece software e programmi online che attraverso un’interfaccia grafica semplificata permettono di realizzare automaticamente Sitemap XML precompilate.
L’utilizzo d questi programmi può essere una valida alternativa veloce per siti con un elevato numero di pagine, per chi desidera risparmiare tempo o per chi non ha competenze avanzate in merito per programmare il file manualmente.
Attenzione però ai settaggi! Anche in questo caso basta un attributo errato o una svista su riga di codice per deviare il motore di ricerca e bloccare il posizionamento sui motori di ricerca.

Come è possibile verificare che la sitemap XML sia corretta per evitare errori prima dell’inoltro?


Se si dispone di un validatore XML (come ad esempio quello presente nel software Dreamweawer del pacchetto Adobe), e si è in grado di leggerlo ed utilizzarlo, è possibile consultare gli errori presenti e correggerli. Anche in questo caso è bene prestare attenzione! Un validatore segnala o corregge solamente la struttura tecnica del codice, non le informazioni contenute negli attributi.

Se, ad esempio, nella realizzazione della sitemap XML il codice è corretto ma un valore è concettualmente sbagliato per la nostra strategia SEO, l’errore non verrà segnalato dal programma, ma gli effetti saranno ben visibili in termini di posizionamento!

Il concetto semplificato è: un motore di ricerca è come una calcolatrice e, a meno che non ci siano errori di programmazione nello strumento in sé, la calcolatrice non sbaglia mai. Al massimo è l’utente che preme un tasto sbagliato o elabora nella sua mente un conto sbagliato e poi lo digita sulla tastiera.

Esiste anche una sitemap per le immagini e i video del sito? E va ottimizzata?

Ovviamente. Google non è solamente un motore di ricerca testuale ma anche contenitore di immagini e video,molto utile per essere trovati da utenti interessati ai vostri prodotti e servizi. Prima di completare un acquisto su un e-commerce, ad esempio, un utente potrebbe eseguire una ricerca di immagini su Google Immagini oppure un video tutorial su Google Video per farsi un’idea visiva del prodotto, dei diversi modelli disponibili e dei negozi online che lo propongono.
Se un sito contiene immagini e video, un’ottimizzazione SEO completa prevede anche la realizzazione di sitemap per immagini e video per far sì che questi contenuti siano presenti anche nel feed dedicato alle immagini e ai video e trovabili dagli utenti.

Così come per la versione dedicata agli indirizzi del sito, anche la sitemap xml per immagini e video deve essere realizzata, ottimizzata e inoltrata ai rispettivi bot: ad esempio GoogleBot-Images (o Bing-Bot-Images, nel caso di Bing!) e GoogleBot-Video (o Bing-Bot-Video, nel caso di Bing!).

Non riesco a realizzare e ad inviare una sitemap XML corretta. Cosa si può fare?


Il nostro consiglio è quello di rivolgersi ad un’agenzia SEO professionale. Al di là della possibilità di commettere errori in fase di realizzazione, anche l’inserimento del file all’interno della directory corretta è un passaggio delicato. Quando si apre un programma FTP si sta andando alavorare direttamente sui componenti che uniti formano la struttura di un sito.
Basta un caricamento nel percorso sbagliato, la sovrascrizione di un file importante o anche solo un down della connessione nel momento sbagliato e il rischio di compromissione è dietro l’angolo.

Inoltre, come scritto precedentemente, realizzare una sitemap XML corretta non significa solo realizzare un file tecnicamente perfetto. E’ importante valutare anche quali valori assegnare agli attributi in ottica SEO e quali non assegnare.

Per qualsiasi dubbio o per richiedere una consulenza, il team di AB&A è a vostra disposizione. Compilate il nostro form!